QUESTA É MUSICA , TUTTO IL RESTO É SURROGATO
 



  |    U    |    info-notizie    |    contatti    |    varie    |    riviste    |


U2
Un pomeriggio del 1980 comprai Boy, album di questo gruppo poco conosciuto in Italia che si inseriva nel filone post-punk di quegli anni, abbastanza lontano sia dalla new wave dei Police che dal new rock dei Toto, e lo comprai perchè mi affascinò la forza con cui Bono e compagni urlavano al mondo che qualcosa andava cambiato, facendolo con musica potente e al contempo elegante, dove sezione ritmica, chitarra e voce si fondevano in modo perfetto.
Questi erano gli U2, cresciuti musicalmente grazie anche a Bryan Eno, capaci di usare la loro notorietà a favore dei più deboli del mondo, oppure per denunciare ingiustizie e uccisioni nel nome del profitto, questi sono gli U2.....ancora.







Boy
(1980)







October
(1981)







War
(1983)






The Unforgettable Fire
(1984)







The Joshua Tree
(1987)





Rattle and Hum
(1988)






Achtung Baby
(1991)






Zooropa
(1993)







Pop
(1997)






All That You Can't Leave Behind
(2000)





How to Dismantle an Atomic Bomb
(2004)






No Line on the Horizon
(2009)





Sono ormai gli ultimi alfieri di un modo di fare e vivere la musica che coinvolge totalmente lo spirito.

Ogni loro canzone è un impegno alla vita, ogni nota una lama che accusa questo mondo fatto di falsità, ogni testo una preghiera perchè tutti noi ci impegnamo a migliorare la vita nostra e di chi è intorno a noi.

Non è una rock band da ascoltare con leggerezza, sono 4 uomini che hanno capito di avere un grande potere mediatico e nel contempo quindi anche una grande responsabilità, perchè possono essere un esempio per chi li vede e per chi ama la loro musica e i loro testi.
Proprio per questo le loro canzoni hanno sempre il fine di spingere la gente a pensare, a capire dove veramente sta il bene e il male, a rivolgere lo sguardo verso l'amore e la giustizia.

Quando anche gli U2 dovessero scomparire da questo teatro, allora anche la musica si addormenterà in un sonno senza fine.




U2 (homepage)







LINKS

U2 (wiki)

U2(ondarock)

... le città in diluvio
Ed il nostro amore diventa ruggine
Siamo sbattuti e sospinti dal vento
Camminando a fatica nella polvere
Ti mostrerò un posto
Su di un altopiano deserto
Dove le vie non hanno nome

Dove le vie non hanno nome
Dove le vie non hanno nome
..."


(Where the streets have no name - The Joshua Tree - 1987)




  SUNDAY BLOODY SUNDAY



  NEW YEARS DAY



   WHERE THE STREETS HAVE NO NAME



   WITH OR WITHOUT YOU





Derry, Irlanda del Nord, 30 gennaio 1972. The Bloody Sunday. Il vescovo cattolico di Derry, Edward Daly, assieme ad altri manifestanti mentre cerca di mettere in salvo John Duddy, ferito a morte.

SUNDAY BLOODY SUNDAY

"Questa canzone ha fatto parlare molto, forse anche troppo, questa non è una canzone di rivolta, questa è Sunday, Bloody Sunday"

(Bono dal concerto
Under a Blood Red Sky - 1983)



Un album live indimenticabile per il luogo incredibilmente affascinante, la tensione altissima e gli U2 nella loro forma migliore